Skip to content →

Recensione “benvenuto fratellino, benvenuta sorellina”

image

Ho letto Benvenuto fratellino, benvenuta sorellina quando aspettavo la mia seconda figlia e lo consiglio assolutamente a tutti i genitori che si trovano in questa situazione.

Io stessa in questo periodo mi trovo ad affrontare alcuni comportamenti derivati da una richiesta di attenzione in più, pertanto ho rispolverato questa utile lettura, alla ricerca di consigli preziosi.

La famiglia è cresciuta, c’è ancora più amore in circolazione, e proprio l‘amore è la chiave per affrontare con serenità il nuovo, e il cambiamento che porta con sè.

image

Il fratello maggiore ha bisogno giorno per giorno di capire come funziona il fratellino, tante domande affollano la sua mente e tramite l’amore lui impara che mamma e papà sono ancora i suoi genitori.

Anche per i genitori questo è un momento delicato, spesso anche stancante, certamente a loro viene richiesto un grande sforzo in più e può non essere facile gestire i pianti e l’inquietudine del grande, non resta che accogliere la sua fatica e porsi per lui come un solido e rassicurante punto fermo. Laddove molto è cambiato nella sua famiglia, resteranno immutati la comprensione e la disponibilità di mamma e papà.
I genitori non dovrebbero ricondurre la gelosia solo agli aspetti materiali, i fratelli col tempo impareranno che i regali si possono condividere. Il maggiore capisce che i genitori vogliono bene al fratellino ed egli non mette in dubbio che ciò sia giusto, lui stesso vuole bene al suo fratellino, egli ha bisogno invece di avere conferma che mamma e papà vogliono bene a lui come prima.

image

Ma nella pratica, dunque? I fratelli maggiori hanno bisogno di conoscere il fratellino non solo con la vista ma anche con il tatto, l’olfatto, l’udito, pertanto ben venga che egli possa accarezzare, prendere in braccio il nuovo arrivato. La mamma spiegherà subito quali accortezze avere nel maneggiarlo così da non dover ripetere successivamente troppe raccomandazioni. E’ importante quindi da subito coinvolgere il grande nelle attività del piccolo, se lo desidera può assistere i cambi di pannolino, al bagnetto….nel mio caso ad esempio vedo che queste situazioni sono molto apprezzate da entrambe le bimbe. Durante le poppate invece, avevo procurato prima del parto, una bambola e un biberon finto con cui la grande potesse giocare nel mentre.
Per il bambino è bello constatare che i genitori hanno bisogno del suo aiuto e si fidano di lui e della sua capacità di eseguire piccoli compiti che gli vengono affidati.

Non dimentichiamo poi di dedicare tempo e attenzione solo per il grande sia che egli nei manifesti la necessità sia che non lo faccia.
Potrà succedere che il fratello maggiore svegli il piccolo per curiosità di toccarlo, ma dobbiamo cercare di essere tolleranti almeno la metà di quello che sono loro in questa nuova situazione così particolare.

image

La gelosia non deve spaventare i genitori, dunque, solitamente è una fase in cui il bimbo ha necessità di essere rassicurato con le parole e i gesti d’affetto affinché comprenda presto il dono che gli è stato fatto.

Benvenuto fratellino, benvenuta sorellina
Di Giorgia Crozza
Il Leone Verde Edizioni

Published in Libri

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *